Come approcciare una ragazzaCome conquistare una ragazzaSeduzione

Regola di seduzione # 3 – Per conquistare una donna è fondamentale “bagnarsi”!

Tutti si pongono una domanda quando vedono una donna molto bella: “ci provo o non ci provo?”

Spesso a questa domanda ci si risponde da soli in modi molto stupidi, anzi direi deleteri. Chi non riesce a trovare neppure il coraggio di aprire bocca, chi rinuncia per paura di essere mangiato vivo o che magari la donna si faccia saltare in aria con qualche ordigno nucleare, chi ci prova in modo timido e chi ci prova e basta.

Tra tutte queste reazioni possibili c’è poi la categoria peggiore che finisce sempre per scavarsi la fossa da solo. Gli uomini che fanno gli indifferenti.

Solitamente gli indifferenti sono persone molto intelligenti che tendono a razionalizzare la realtà, si immaginano piani d’azione all’istante, quasi come si trattasse di processi standardizzati o di strategie di tipo militare. Peccato che le cose spesso non vanno come ci si aspettava, anzi si finisce per ottenere il risultato opposto.

Gli indifferenti si comportano in questo modo perché dicono: tutti ci proveranno con questa ragazza, io invece per farmi vedere che sono un vero maschio “che non ha bisogno di chiedere mai”, stai a vedere che magari atteggiandomi da super fico questa poi mi noti, così poi tento l’assalto”.

A queste persone nella stragrande maggioranza dei casi succede che poi facendo gli indifferenti, non vengono neppure notati.

Si può essere portati a diventare indifferenti per una serie di motivi, ma in realtà a livello più profondo tutto si può riportare ad un unico concetto – “la paura di NON avere successo” che è in fondo uguale alla “paura di avere successo”.

Si, avete letto bene, l’insuccesso o il successo a livello psicologico vengono letti allo stesso modo, però mentre siamo più abituati agli insuccessi, il fatto di fare gli indifferenti ci da la flebile sensazione di essere superiori al nostro obiettivo. Se invece sfioriamo l’ordine di idee “ok ora vado da lei e ci provo” incominciamo subito a pensare ad una confusa tattica per “vincere la partita”.

Il fatto che non si ha ben chiaro in testa che cosa fare, in virtù del fatto, che non è umanamente prevedibile l’esatta serie di reazioni dell’altra persona tende a scoraggiarci all’istante. Quindi si finisce nell’incubo dell’ “oddio” “oddio… ed ora che cosa le posso dire” “….e se facessi brutta figura”, “e se qualcuno si mettesse a pensare che ci sto provando con questa?” “…e se tirasse fuori una bomba atomica e morissero milioni di persone se ci provassi con lei?”

Tutta questa serie di pensieri negativi porta gli aspiranti indifferenti ad un “colpo di genio” “ora me la faccio presentare e poi faccio l’indifferente, così magari lei farà qualcosa o capirò che le interesso, chissà che poi non ci scambiamo i numeri”.

Chiaramente poi non succede nulla, ma almeno non avendoci provato, gli indiffenti tendono a consolarsi pensando che “infondo non hanno fatto brutte figure”, quindi l’insuccesso non c’è stato e non siamo restati feriti nell’orgoglio.

Non provandoci o facendo gli indifferenti si evita sia l’insuccesso che il successo, ma è chiaramente più indolore del provarci e magari non riuscire ad ottenere nulla.

Il fatto di non sapere come gestire le situazioni che ci potrebbero portare a raggiungere il successo è un grosso limite alle nostre potenzialità. Infatti si tende a pensare che per raggiungere un proprio obiettivo sia necessario fare un salto nel buio, in virtù dell’impossibilità della pianificazione di tutte le azioni e reazioni della controparte.

Ciò che queste persone si perdono è che fare questo salto nel buio è necessario. Non solo ma non hanno mai pensato che infondo non si rischia di morire, se per conquistare la donna dei miei sogni devo rischiare di fare una brutta figura, il rischio è ampiamente giustificato dalla ricompensa.

Molti diranno che non è corretto semplificare così la situazione ed avete ragione.

Il fatto è che qui si impara a conquistare le donne non a piangersi addosso.

Quindi vi invito a riflettere ed a memorizzare benissimo la regola di oggi: “per conquistare una donna è fondamentale bagnarsi”

Insomma si tratta di un blocco puramente psicologico che ci siamo fissati da soli quindi consideriamo l’imprevedibilità come una reazione prevista e data per scontata. Insomma date per scontato che non avete la più pallida idea di cosa succederà e che non vi interessa neppure saperlo, ditevi un bel chissene frega, in questo momento un sacco di uomini brutti ed insignificante è in un albergo a 6 stelle con delle super modelle e voi dovreste stare in piedi ad avere paura di provarci con una ragazza?

Quando avrete il timore di non riuscirci pensate a questo: “Io vado, è chiaro che non so cosa succederà, il fatto è che con qualunque donna si riproporrà il problema, per tanto se per nuotare mi devo bagnare, tanto vale andare alla cieca e vedere cosa succede.”

Buttatevi in questa avventura e “bagnatevi”, male che vada vi “asciugherete” e se andrà bene, vi lascio immaginare la ricompensa.

Andiamo spendereste un euro per vincere 10 milioni di euro, e non accettereste un rischio per stare con una top model?

Incominciate ad assimilare questa idea, a gestire meglio l’imprevedibilità delle donne ed a raggiungere sistematicamente il successo ogni singola volta, vi aiuteremo noi.

0 Commenti

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*