Come gestire i due di picche e trasformarli in un vantaggio a tuo favore.

Come gestire i due di picche e trasformarli in un vantaggio a tuo favore.
Mr. Seduzione

Desidero ringraziarvi per le centinaia di mail che ogni giorno ci inviate, mi scuso se riesco a rispondere solo a pochi di voi, ma state diventando davvero tanti! Oggi ammetto che l’intervento fa troppi riferimenti espliciti alle reazioni che hanno i perdenti, quindi se siete deboli di carattere, andatevi a leggere o ri-leggere il post riguardante a come si conquistano le donne fidanzate.

Salve a tutti (Premetto che manco di esperienza in quest’ ambito NDR^^)
Vorrei raccontare la mia – attuale ‘’storia” che riguarda il tema posto nel primo post:

L’ anno scorso a settembre sono entrato a lavorare come magazziniere part-time (è una ditta piccola e assumono solo part-time con la possibilità di fare qualche straordinario) li’ vi lavora part-time una ragazza molto carina che inizialmente – tipo per 3 mesi non cagavo anche perchè lei lavora negli orari in cui non lavoro io. Poi a dicembre al termine di una cena di lavoro lei si offre di riaccompagnarmi in macchina li parliamo per circa 10 min in attesa di raggiungere il posteggio dove è parcheggiata la mia auto.. In macchina parliamo del piu’ e del meno con lei che dice spesso ”non ci vediamo mai!” ”ma quando ci rivediamo?” devo ammettere che in quella circostanza non ho fatto nulla a parte mostrarmi molto imbarazzato(la mia risposta è stata: ci vediamo alla prossima cena^^)..
Poi qualche giorno dopo lei è venuta a lavoro un quando lavoravo anch’ io portando con se dei regali per tutti gli altri dipendenti (sono 2 impiagate + la titolare + io – unico maschio! -)e incontrandoci fuori mi dice ” ci sei tra una mezz’ ora ?” io rispondo ‘’si” aspetto mezz’ ora ma scopro con mio stupore (credevo che mi volesse dire qualcosa) che lei se n’ era andata.
Al che la chiamo (poichè mi piace assai) a casa non avendo il suo cellulare e risponde sua madre dicendomi che è fuori a fare spese natalizie con il ragazzo………….. Allora nonostante cio’ io la chiamo la mattina dopo (24/07/2007) pe ringraziarla del regalo che mi ha fatto per natale lei mi ringrazia per la chiamata e finisce li’ il tutto.
Ora lei stà con un ragazzo piu’ giovane di lei (21 anni lei 24 – io 25)e spesso è successo (anche ultimamente) che dove lavoro io si facciano delle ”convention” di libri dove lei và e le altre impiegate mi dicono ”ehi vieni Paolo? c’ è anche lei” e io rispondo ”ok^” – pero’ una volta li’ non ho il coraggio di dirgli nulla poichè la vedo fredda nei miei confronti (o almeno è cio’ che sembra)…
Alla luce del fatto che mi piace molto come persona e fisicamente io vorrei conoscerla meglio diventare amici e sviluppare il rapporto^-^
Avrei delle domande dato CHE SONO DISPERATO!
Dove ho sbagliato in questa vicenda?
mi sono fatto delle false illusioni?
Che cosa devo fare?????????????
Secondo voi io le interesso??
ps: in questo periodo ha detto che lei sta passando un periodo difficile

Ci sarebbe da riempire il blog con un intervento al giorno per tutta la settimana con la tua email.
Tendenzialmente non prendo in considerazione questi inviti da ragazze, come se si trattasse proposte… ma sicuramente devi incominciare a riconsiderare la tua posizione più in generale, nei confronti delle donne.
In primo luogo credo che ti potrebbe essere d’aiuto un intervento del passato riguardo agli uomini che si innamorano troppo semplicemente.
Io vedo nelle tue parole, così come in quelle delle tante persone che ci scrivono, questa sorta di “paura di rischiare la vita”, ogni volta che si tratta di provarci con una donna.
In particolare ho sempre visto questa “abominevole” paura del rifiuto, classica se vogliamo, ma credo sia alla base dei mille problemi, che costellano la vita di centinaia di uomini con cui ho avuto modo di parlare di seduzione, fino ad oggi.

Che cosa c’è di così rischioso a provarci con una donna?

Seriamente, io non so voi, ma in tutta la mia vita, avrò visto vagonate di ragazzi rinunciare anche solo di tentare a conoscere una ragazza, tanto da riempire un intero treno da 20 carrozze a due piani.
Ok c’è la paura di fare una brutta figura, c’è la paura di rovinarsi la piazza nelle volte successive e poi c’è il problemino con la parte più sensibile di noi stessi, l’EGO.
In effetti non si tratta proprio di un dettaglio, ma visto che è una robina che teniamo dentro noi stessi, molto probabilmente dovremmo riuscire ad imparare a gestirlo, senza grosse difficoltà.
Lasciatemi togliere questo sfizio, vi regalo una piccola chicca che ha aiutato molti dei ragazzi che ho seguito, a dare una bella scossa al loro modo di vedere i due di picche.
Mettiti in testa che per quanto drammatica possa essere la scena del tuo rifiuto, sicuramente non sarà terribile quanto essere colpiti a brucia pelo, da una scarica di proiettili di una 44 magnum.
Probabilmente con quella ragazza se fallirai, da quel momento in avanti non avrai molto da condividere, ma infondo siamo sinceri, piuttosto che martellarsi giorno e notte, con il dubbio che il nostro intersse possa essere ricambiato, anche solo con una probabilità bassissima, arrivare ad un risultato concreto è sicuramente un fatto positivo di per sè.
Ora viene la parte più tosta, fingiamo che riusciate a trovare il coraggio di provarci con una ragazza o con una vostra amica. Per rendere la cosa ancora più surreale immaginiamo che lei vi dica una frase confortante tipo “no guarda, non ci penso nemmeno, piuttosto che mettermi con te preferisco buttarmi giù da un balcone, e dopo 30 metri di volo, cadere dentro ad una vasca di piraña affamati”.
Voi come credete reagireste? Insomma, è ridicolo prendersela per una fesseria del genere.
In effetti se i due di picche fossero dispensati con frasi buffe come questa, probabilmente ci rideremmo su più facilmente. Ma in realtà, per quanto possa essere umiliante, non è e non deve essere una tragedia, ricevere un due di picche.
Insomma, se perdete ad un videogioco, accettate la sconfitta come una qualsiasi insignificante irritazione, perchè mai dovreste prendervela per una donna vi dice che non le piacete.

La seduzione è un gioco! Nessuno muore ad essere rifiutato, con tutte le donne che girano per questo simpatico pianeta a forma di palla, perchè stare a fare tante tragedie. Se la seduzione fosse un videogioco, le vostre vite potremmo farle coincidere con il numero di donne che esistono. Su per giù saranno 4 miliardi.
Togliendo dal conteggio: le vecchie, le donne sposate (meglio lasciarle dove sono…), le bambine sotto i 18 anni, quelle che non guardereste manco con il binocolo, quelle con i baffi, quelle con i capelli rossi (che magari portano sfiga), le drogate, quelle con il fratello violento, le donne soldato, mettiamo che ne restino solo 1 miliardo in totale…
Siamo sinceri, voi conoscete qualche gioco che vi permetta di sbagliare per 1 miliardo di volte senza lasciarvi conseguenze di alcun tipo?
I due di picche sono dovuti a NOSTRI ERRORI. Così come in un videogioco e fate una fesseria perdete una vita, nella seduzione vi prendete una simpatica sportellata sul muso.
La buona notizia è che esistono tecniche per evitare di fare altri errori, ma che tu le metta in pratica o meno, si tratta sempre di segnali.
Non esiste brutto che non possa trovare una ragazza bella.
Consideriamolo un corollario o una legge fisiologica, ci sono persone che piacciono e persone che non piacciono perchè non sono in grado di gestire la propria immagine.

L’unico modo per convivere con un problema è trasformarlo in opportunità.

Questa è un’altra di quelle frasi da scrivere sul proprio specchio, in modo da guardarla tutte le mattine prima di uscire di casa.

Molte cose ad un primo sguardo possono sembrare negative, un rifiuto di una ragazza lo è.
Se incominciamo a pensare che al 90% si tratta di un nostro errore, le cose non possono che assumere proporzioni apocalittiche.
La via d’uscita per togliersi la “paura da rifiuto” è una sola e consiste proprio nel fare l’associazione mentale, seduzione – gioco.
Così come non fai una tragedia quando perdi una partita a carte con amici (escludendo i giochi d’azzardo ovviamente) l’unica reazione che puoi avere, sottolineo UNICA, è una risata.
Sorridi al tuo nemico, sempre. Nulla spiazza più di un sorriso, chi pensa di averci fatto del male. La cosa positiva è che ci da la forza e la carica per andare oltre all’apparente sconfitta e ragionare in prospettiva.
Oggi hai sbagliato, quante volte hai ancora intenzione di ripetere i tuoi fallimenti?
Vivi il rifiuto per darti la spinta a cambiare, ad evolvere il tuo modo di porti con le donne, quando avrai capito il meccanismo non sbaglierai più.
Nel caso in cui doveste sentirvi circondati da ragazze poco avvenenti e quindi i vostri due di picche fossero dovuti semplicemente al vostro scarso entusiasmo, la soluzione è quella di farvi un bel viaggio nell’est europa o nella grande Russia.
Al posto dei soliti noiosi souvenirs, vi portate a casa qualche stangona bionda, con gli occhi azzurri, alta 2 metri e 30, con il cognome che finisce in “ova”. Tempo una settimana e vi comprerete persino una cabrio, in modo da: 1 fare invidia agli amici, 2 alta com’è su una punto non ci entra.
Ma su come fare colpo sulle varie stangone da copertina, stiamo preparando una Mini-Guida, che uscirà entro l’estate.

0 Commenti

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*