Perchè le donne lasciano gli uomini ad un certo punto di una storia?

Perchè le donne lasciano gli uomini ad un certo punto di una storia?
Mr. Seduzione

Mettiamo caso che stiate insieme con una donna da un certo numero di anni, avrete superato alti e bassi, ma nel vostro cuore avevate in ogni caso la convinzione che la vostra storia sarebbe potuta continuare in eterno.
Ad un certo punto vi rendete conto di quanto il suo carattere, il suo modo di parlarvi sia oggetivamente cambiato. Voi stessi, non siete più la coppia innamorata di un tempo.
La domanda di oggi quindi è, perchè una coppia di innamorati arriva ad esaurire del tutto la passione che si era creata agli inizi?
Un detto più o meno saggio dice:
L’amore aiuta a passare il tempo, ma il tempo aiuta a far passare l’amore.
Perchè due innamorati finiscono per non provare più alcun sentimento per l’altro?
La risposta non è molto semplice in realtà, ma vediamo di capire meglio la questione.
Due elementi mantengono “alto” l’interesse per una persona:
1. L’imprevedibilità
Ovviamente non si tratta di inventarsi giorno per giorno avventure da mille ed una notte, o preparare sorprese sontuose. L’imprevedibilità in questo caso è da intendersi come l’atteggaimento che vi porta a fare di tutto pur di non essere ripetitivi, di non essere abitudinari o di ridurre attività di routine al minimo indispensabile.
Lo so è più facile a dirsi che a farsi, ma a volte ad accentuare il problema della monotonia, si aggiunge c’è l’incompatibilità caratteriale. Insomma è ovvio, se voi siete dei tipi sedentari da poltrona e pantofole, una donna che adora guardare le partite di calcio la domenica pomeriggio, che non ha interesse a viaggiare tanto e che preferisce evitare come la peste eventi mondani e party, probabilmente oltre a reggere meglio la vostra inclinazione, si troverà nella condizione di apprezzare parecchio questo vostro modo di vivere.
Giusto per darvi un’idea semplice semplice per ridurre il rischio di rendere monotono il vostro rapporto: provate ad evitare il più possibile di avere un calendario di attività giornaliere.
Non si tratta sicuramente della scoperta dell’america, ma già solo il fatto di non dare per scontato che ogni giorno della settimana sia dedicato ad un programma ben definito è FONDAMENTALE.
Facciamo un esempio.
Immaginiamoci un’ipotetica settimana standard:
Tutti i Sabati: il giorno dello shopping, della pizza con amici e la sera della discoteca.
Tutte le Domeniche: pomeriggio giretto per il centro con la donna, a pranzo con qualche parente, etc.
Tutti i Martedì: serata organizzata dalla vostra donna, con le sue amiche ed i loro relativi uomini. (due palle…)
Tutti i Giovedì: partitella a calcetto con i colleghi la sera.
Tutti i Venerdì: il giorno del torneo di poker in casa vostra con gli amici. (due palle per lei)
Andiamo, è palese che dopo un paio di mesi, un programma fisso simile a questo possa annoiare per motivi fisiologici o ridimensionare di molto gli entusiasmi della coppia.
Il nostro cervello ha bisogno di vivere il maggior numero di stimoli possibili per mantenere alto il buon umore.
Provate a scambiare i programmi di ciascun giorno ogni settimana, ad esempio: una settimana il pranzo con i parenti lo farete il venerdì sera a cena, il martedì organizzerete, a casa vostra la partita di poker con gli uomini delle amiche della vostra donna, e così via. Ogni giorno di ogni settimana, avrà un programma diverso da quello che aveva la settimana precedente.
Può sembrare una banalità, la è, ma i risultati stimoleranno la vostra relazione in modo sconvolgente.
Provate e mi saprete dire di persona.
2. L’autorevolezza
Non confondiamola con la caratteristica delle persone autoritarie, voi dovrete coltivare il vostro carisma e mantenere vivo nella mente della vostra donna l’idea che voi siate IL suo partner ideale.
Fino a quando lei sarà convinta che voi siate il suo partner ideale e che nessun altro è in grado di superarvi, non avrete neppure da essere gelosi, NON VI MOLLERA’ PER NULLA AL MONDO.
Esistono vari modi per perdere questa autorevolezza e solo pochi per aumentarla.
Una cosa è sicura, tutte le volte in cui vi sarà capitato di sentire che foste giunti al capolinea, voi (o la vostra lei) avrete incominciato a tentare ogni cosa pur di riuscire a recuperare la vostra storia. Sareste stati disposti anche a vendere il mondo intero pur di poter rivedere quegli sguardi che vi avevano fatto innamorare agli inizi.
Ma come sappiamo, questo comportamento da “volontari della croce rossa”, porta proprio verso il risultato che vorremmo evitare a tutti i costi: la fine della storia, in modo definitivo.
Una donna vuole essere fiera del proprio uomo, vuole poterlo pensare come il compromesso migliore che avrebbe potuto trovare e l’unico con cui riesca a sentirsi veramente bene.
Non lavorare su questi elementi semplici e lasciare che le cose vadano avanti “a caso” creano tutti i problemi che portano le coppie a separarsi.
In altri casi, si verficano addirittura prima ancora che i due si mettano insieme. Insomma la storia la sappiamo, l’uomo ( o la donna) si innamora dell’altra persona, nel disperato tentativo di sedurla, incomincia a farsi in quattro e comportandosi in questo modo finisce proprio per far scappare chi stava cercando di conquistare.
Si tratta del mondo che va al contrario?
Può darsi.
Possiamo permetterci di non sfruttare questa consapevolezza di come funzioni la seduzione PER DAVVERO?
Non credo proprio.
In molti credono che ci possano essere dei casi in cui le persone si innamorino per qualche motivo legato al destino o a qualche mistero dell’amore.
Forse non si rendono conto che quando RIESCONO a far innamorare una persona, in quegli istanti tutta una serie di elementi esterni li porterà, inconsciamente, ad assumere tutti gli atteggiamenti fondamentali che rendono vincente chiunque utilizzi le tecniche di seduzione passiva.
Il problema è che una volta che quegli elementi esterni mancano, SEMPRE PER CASO, non saranno più in grado di ripetere le cose che erano riusciti a fare con la donna precedente.

0 Commenti

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*