Conquistare una ragazza che lavora in discoteca. – Le 3 fasi della vita di un uomo.

Conquistare una ragazza che lavora in discoteca. – Le 3 fasi della vita di un uomo.
Mr. Seduzione

Hi Mr.
Ok con le commesse ma qui in sardegna le strippers non valgono la candela nel 99% dei casi!!! Con le commesse la linea d’azione è l’ideale, ma ti sottopongo un quesito su un’altro genere con cui ho più difficoltà: la barista in discoteca!!! Sempre avvenente e simpatica ma la musica altissima ti impedisce di dare sfogo alle tue carte come si vorrebbe. Giusto poco fa sono rientrato da una disco (OT: e fra qualche ora sarò al lavoro!!) dove c’era una barista che mi piaceva e al terzo cocktail con molta disinvoltura (grazie ai tuoi consigli) le ho detto che avevo il cellulare rotto, e se poteva aiutarmi… Alla domanda:- che cosa ha?a- le ho detto:- manca il tuo numero dentro!!- Non ho ottenuto successo ma lei mi gentilmente offerto il cocktail forse lusingata e spiazzata dal fatto che ho fatto tutto con il tono con cui chiedi un cocktail e una cannuccia in più :). La domanda è questa: quali sono le dritte che daresti per avvicinare e conquistare le barman in disco??!?

Nella vita di un uomo io credo che ci siano delle fasi che sono divise in modo netto da barriere immaginarie.
Chiaramente nella mia vita l’approfondimento delle dinamiche relazionali, del gioco della seduzione ha avuto un’impronta molto profonda, ma credo che chiunque di noi ci passi attraverso.
Se vogliamo, potremmo suddividere la nostra vita in queste 3 semplici fasi:
Il buio. Generalmente coincide con l’infanzia e l’adolescenza, anche se per molti, questo periodo si protrae anche oltre i quarant’anni. Non che sia una fase negativa, ma da un certo punto di vista vivere in questa fase per gran parte della nostra vita, conduce inesorabilmente ad accumulare insoddisfazioni, strutture mentali negative, che non fanno altro che allontanare il raggiungimento dei nostri obiettivi a giorni che potrebbero NON arrivare mai.
La piacevole confusione. Quando inizia questa fase e quando finisce, dipende da persona a persona. Generalemente si entra in questa fase quando si incomincia ad avere dei primi riscontri, o durante le prime piccole vittorie. Troppo spesso molti tendono ad accontentarsi di una piccola vittoria, quando potrebbero avere molto di più, se continuassero ad accumulare piccole vittorie ed a comprendere a fondo come controllare la loro comunicazione non verbale ed il loro corpo.
Per sedurre una donna, non ci vuole molto, è piuttosto banale per certi versi. Chiunque di noi è in grado di conquistare almeno una donna, per definizione.
Tuttavia ci sono uomini che si accontentano di accettare compromessi, di stare insieme a donne che non amano e che non sono neppure troppo belle, e lo fanno per un’unico motivo: Hanno paura di perdere quel poco che hanno, senza sapere ciò stanno sicuramente perdendo.
Per sedurre ogni donna, per essere in grado di far innamorare qualsiasi donna, hai bisogno di andare avanti e non fermarti alla prima piccola conquista.
Non si tratta di mettere sul tavolo tutte le fish e rischiare di perderle tutte, nell’eventualità in cui la pallina dovesse finire sul nero, anzichè sul rosso, tutt’altro.
La seduzione pur avendo molte caratteristiche del gioco d’azzardo non ti toglie mai nulla e ti da sempre qualcosa indietro.
Un rifiuto di una donna non è un segno negativo, ma è un indicatore che ti dice: “stai sbagliando qualcosa”.
Così come quando cammini nel buio e se tocchi un muro riesci a capire quali siano i confini della stanza in cui ti trovi, allo stesso modo, nella seduzione un rifiuto è un modo per capire quale sia la direzione giusta da seguire.
Io credo che nel tuo caso, tu sia arrivato nella fase della confusione. Ok, sei stato spiritoso con la barista, ma non è la battutina che ti permette di fare la differenza.
Per inciso a mio avviso hai persino sbagliato il tempismo. Una barista, per quanto tu sia attraente, se è al lavoro e la discoteca è piena, è costretta a lavorare.
Aspetta la chiusura all’alba per sferrare il tuo colpo, lei sarà magari stanca, ma sentirà il bisogno di avere delle attenzioni.
In ogni caso, non tutto è ancora perso, devi fare tesoro di questa esperienza per riuscire la prossima volta, in modo da entrare nell’ultima fase…
La sera. – Non so come mai la sera venga considerata negativamente, nell’immaginario collettivo. La sera è il momento che precede la notte, è la fase della vita dove hai superato le difficoltà di una giornata ed hai tratto le tue conclusioni. La sera è l’inizio della notte e per chi ama le donne è il momento in cui ti prepari per fare tua la donna che desideri.
Non importa quanto sia stato duro e difficile superare il giorno, alla sera tutte le esperienze, tutti gli insegnamenti che hai maturato, entrano in gioco portandoti a conquistare il premio che ti spetta, quello per cui hai fatto tanto.
L’idea che vorrei passarvi oggi è che siamo NOI che decidiamo cosa fare della nostra vita, che stabiliamo quali saranno i prossimi obiettivi che saremo in grado di realizzare.
Raggiungere determinati obiettivi, realizzare i nostri sogni tuttavia prevede una decisione chiara e semplice, quella di lavorare su noi stessi e sul modo in cui viene percepito il nostro modo di essere da chi ci circonda.
Questo è ciò che le persone comunemente chiamano carisma, anche se continuo a preferire chiamarlo in un modo più semplice ed immediato: “essere soddisfatti della propria vita”.
La soddisfazione non è un lusso; la soddisfazione è vivere una vita che meriti di essere vissuta ed al tempo stesso è ciò che ci distingue da chi non ha il coraggio di vivere la propria vita.

0 Commenti

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*