E' più semplice conquistare una donna MOLTO BELLA o una molto brutta?

E' più semplice conquistare una donna MOLTO BELLA o una molto brutta?
Mr. Seduzione

immagine-16

Bene. Assodato,anche dal dibattito tra utenti, che il primo obiettivo per un aspirante seduttore è tenere su il proprio valore e non svendersi, proprio per non cadere nella trappola che hai ottimamente descritto nell’ articolo, ti sottopongo un quesito .
Un mio “collega” romano (a mio avviso lontano dal tuo livello) sostiene che le donne italiane penalizzano i veri seduttori e premiano gli zerbini (che si autodeprezzano per scelta per cercare di compiacere le donne), e di fatto rifiutano il vero gioco della seduzione, per motivi principalmente opportunistici : “avere lo zerbino può far comodo, il fidanzato zerbino piace alla mia mamma, magari ottengo anche vantaggi economici (se è uno che ha disponibilità), ecc.”
Quindi lui sostiene che se si vuole esercitare davvero la seduzione, bisogna emigrare verso altri lidi, salvo imbattersi nelle poche “italiane ok” .E che le italiane sono in assoluto quelle che fanno le loro scelte per motivi totalmente estranei alla psicologia della seduzione .
Forse una simile posizione è un pò troppo drastica, ma non credo che il concetto di fondo sia sbagliato.
Tu, mister, cosa ne pensi ?

Direi che principalmente questa affermazione del tuo amico, si commenta da sola.
Alzi la mano chi ha mai sedotto una donna facendo lo zerbino con lei.
Dico davvero. Credo si tratti di casi più unici che rari.
L’uomo zerbino, non piace, non piacerà e non è mai piaciuto alle donne.
Io amo fare una sottile distinzione tra il tipo di successo che può avere un uomo con una donna:
– L’uomo che piace alle donne.
– L’uomo che serve alle donne. (o che fa comodo)

“Serve” e “Piace” sono entrambi dei verbi, hanno entrambi 5 lettere e tutto sommato possono avere significati simili, da un punto di vista meramente del significato letterale.
Non so se un uomo possa apprezzare la condizione di essere USATO da una donna.
Mi è capitato di conoscere uomini così soli e tristi, che pur di stare con una donna sarebbero anche disposti ad accettare questa condizione. Vivere con una donna che ti usa, che si approfitta di te, ti da la possibilità di godere della sua compagnia, è vero; ma alla lunga è frustrante e ti fa sentire male.
E’ un po come essere un disperso in un deserto, dopo un incidente areo. Hai fame, hai caldo, sei assetato e non sai come fare ad andare avanti.
Ad un certo punto ti rendi conto che puoi solo bere da alcune pozze, dove acqua dal sapore decisamente acre.
E’ evidente che la sete sia così forte che berrai in ogni caso quell’acqua, ma è altrettanto vero che si tratta di una scelta costretta da una necessità, non dal piacere.
Così come non vivresti soddisfatto solo, in un deserto, senza cibo nè acqua, sono più che convinto che non riusciresti neppure a sopportare lo sguardo della donna più bella di questo mondo, se nei suoi occhi, ci fosse solo compassione e pena nei tuoi confronti.
Non è vita quella, puoi sopportare per mesi o anni una situazione di questo tipo, ma dopo saresti soddisfatto di te stesso? Dopo che quella donna che si approfittava di te, che non provava assolutamente nulla per te, se ne fosse andata via dalla tua vita, tu che avresti fatto?
Io amo le donne, le amiamo tutti, ma se c’è un elemento che ci porta spesso fuori strada è proprio quello di considerarle come delle mere approfittatrici o per essere più schietti, come delle autentiche puttane.
Le donne rispondono a stimoli, sono esseri umani come noi, cercano cose uguali a noi e fino a quando non entri nella semplice logica che il nostro compito è semplicemente quello di amarle, per il semplice piacere di conocere donne, difficilmente otterremo qualcosa di positivo in cambio.
E’ un po come i pregiudizi sull’immigrazione. Non tutti gli immigrati sono cattivi, anzi la maggiorparte non la è per fortuna, ma solo per questa nostra struttura mentale che abbiamo nei loro confronti, per molti è difficile stringere dei rapporti o delle semplici amicizie. Il tutto per una semplice idea, legata ad un’apparente diversità.
Le donne NON sono delle prostitute.
Grazie al mio lavoro ho avuto spesso l’occasione di conoscere donne di una bellezza assolutamente sconvolgente, spesso dell’est europa.
E’ vero, all’inizio magari non si trattava delle donne più affettuose ed aperte che avessi mai conosciuto, ma come possiamo biasimarle?
Dopo che passi 10, 20, 30 anni ed ogni singolo giorno della tua vita, TUTTI gli uomini che ti capita di conoscere sono SEMPRE lì, pronti a provarci con te, ad attaccare bottone con qualche scusa banale; TU cosa faresti, se fossi nei loro panni?
Dopo che OGNI volta che vai in discoteca ti ritrovi ad avere 20 o 30 maschi che ti vengono a dire, uno dopo l’altro: “che occhi bellissimi che hai”, “scusa hai da accendere?”, “scusa ma noi ci conosciamo?” è quanto meno NORMALE farsi l’idea che gli uomini siano dei poveri stupidi.
Ma quando arriva uno, che è in grado di comprendere la sua situazione, che NON FA SEMPLICEMENTE le stesse identiche cose che fanno gli altri 100.000 uomini che le è capitato di conoscere, che sa trasmetterle un’energia, un feeling che non aveva mai provato prima, come credi che reagirà a questo tipo di uomo?
Quale sarà lo sforzo che dovrà fare questo uomo per far perdere loro la testa?
Ad esempio, quanti di voi sono mai usciti con una modella?
Sono pronto a scommettere che non sapevate ad esempio che oltre l’80% delle modelle rumene ha una laurea.
Magari non saranno tutte ingegneri astrospaziali che cambieranno il mondo della navigazione interstellare, ma sono sicuramente più interessanti ed affascinanti di tante modelle, italiane che spesso non sanno neppure chi sia l’attuale presidente della repubblica. (E vi assicuro che mi sono capitate alcune che pensavano che Berlusconi fosse il presidente della repubblica.)
Le donne straniere sono più belle? Sono più acculturate? Sono più disinvolte ed accomodanti delle italiane?
Può essere, non lo metto in dubbio. Il motivo però è semplice, in Italia gli uomini sono AUTENTICAMENTE OSSESSIONATI dal doverci provare con le donne, all’estero NO.
Non credo che esista paese al mondo, e ne ho girati parecchi, dove gli uomini siano più ansiosi di farsi sotto con una donna, come nel nostro.
Da qui nasce il cambiamento, questo spiega il comportamento meno aperto di una donna italiana, rispetto a quello delle altre, per non parlare di quelle molto belle, che sono tempestate ogni giorno della loro vita da uomini noiosi e senza personalità.
Prima ho usato un affermazione che a molti sarà sembrata esagerata, ma in realtà ti assicuro che è davvero così.
Paradossalmente è più semplice far innamorare o donne molto brutte o donne molto belle, che ragazze normali.
Se ti trovi in un locale, hai appena conosciuto una donna bellissima, potrebbe diventare una modella del calendario Pirelli, se ti limiti a seguire le tecniche di seduzione passiva, sei in grado di comunicare con il tuo corpo ad un livello profondo la tua personalità, il tuo essere diverso dagli altri.
Se sei in grado di mantenere la sua attenzione, incuriosirla e farla sentire come nessun altro uomo era riuscito a farla sentire prima d’ora, come pensi che reagirà al tuo comportamento?
E’ magari la donna più bella che abbia mai conosciuto in tutta la tua vita, e dopo appena 5 minuti di conversazione, ti rendi conto che ti sta inviando segnali d’interesse.
Probabilmente con quella tua prima ragazza del liceo, ci avevi messo MOLTO più tempo, semplicemente per invitarla ad uscire, senza che fosse chissà che bellezza, mentre ora, questa ragazza mozzafiato è lì davanti a te e sei assolutamente convinto che ti trovi attraente.
Le donne molto brutte non sono abituate ad avere uomini disponibili con loro, e si comportano di conseguenza. Le donne molto belle, fanno la stessa cosa, anche se in sensi opposti.
Entrambe sono stanche di una situazione che continua da una vita e vogliono semplicemente ESSERE AMATE e VIVERE CON UN UOMO CHE SIA IN GRADO DI TRASMETTERE EMOZIONI.

0 Commenti

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*