Usare gli amici per conquistare una ragazza – Quando è una buona idea e quando è meglio fare da soli?

Usare gli amici per conquistare una ragazza – Quando è una buona idea e quando è meglio fare da soli?
Mr. Seduzione

Mr seduzione mi rendo conto ora di averti tempestato di domande, e ti chiedo scusa.Ma vorei porti un’altra domanda che si fa quando fraintendiamo le intenzioni di una ragazza che a noi e’ parso volerci provare ed invece voleva solo diventare nostra amica perche siamo dei tipi simpatici? Dopo un bel 2 di picche del tipo: “vuoi stare un po’ con me?” risposta: “No,ciao! , la frequentavo da una settimana e pensare che non la avevo mai notata se non qualche saluto e due parole qua e la,ci siamo baciati sulla guancia per salutarci,successivamente ho mandato gli intermediari a sondare il terreno,fallimento e poi il 2 di picche sopra citato e cosa ancora piu’ umiliante mi son dovuto sorbire una predica da un suo e anche parzialmete mio amico,che di ragazze non ci capisce un cazzo e che viene tenuto alla larga da queste.mr seduzione sono davvero stanco dei rifiuti,delle prediche e delle “comprensioni” degli amici,ho finalmente capito che ce una gran bella differenza tra essere amici e essere seduttori,ora mi devi aiutare tu,da sabato scorso (il giorno del 2 di picche) non ci sentiamo e il tizio li non vuole darmi il suo contatto,come mi devo comportare ora?ti prego di essere il piu’ chiaro possibile,devo assolutamente levarmi la schedatura che questa ragazza mi avra’ sicuramente fatto. GrZIE

Non so quale sia la percentuale di multe rispetto al totale di guidatori, ma una cosa è certa, per molti è davvero difficile rispettare le regole. Ma la cosa più sorprendente è che la gente si stupisce quando poi viene fermato in flagrante e riceve la multa. Come se prendere una multe non dipendesse dal fatto di trasgredire le regole, ma da una questione di antipatia di quei loschi figuri in divisa verso gli uomini liberi a bordo delle automobili.
E’ un elemento d’influenza culturale, è evidente. Rispettare le regole, seguire un metodo è da sempre considerato qualcosa di “faticoso” o di poco “cool”.
E’ un po come se fosse una struttura mentale, “io non rispetto le regole, perchè tutto sommato ci sono buone possibilità che mi vada bene, anche trasgredendo ed ignorando il metodo”.
Ma così come per fare una moltiplicazione su una calcolatrice, non schiacceresti il pulsante “diviso”, nella seduzione, se vuoi evitare di sbagliare, hai bisogno di rispettare delle “regole”.
Imparare a disegnare non è difficile.
Per disegnare molto bene hai bisogno di rispettare delle regole.
Pessere un artista di fama internazionale, significa avere una padronanza degli strumenti di base, ad un livello assolutamente superiore rispetto alla media, tanto da poter ignorare le regole e fare la storia.

In particolare gli “ottimisti” tendono a considerare più importante “l’estro artistico” prima ancora di imparare i fondamenti di una qualsiasi attività, finendo irrimediabilmente per fallire nel loro intento.
Che si tratti di uno sport, di un’attività culturale, che si tratti di imparare a recitare o lottare a mani nude, prima hai bisogno di conquistare una padronanza assoluta degli strumenti di cui disponi e solo superata questa prima fase, puoi permetterti di “metterci del tuo”.
Tanti pensano ad esempio che una ragazza che sorrida e che rida alle nostre battute, possa essere considerato come un segnale inequivocabile d’interessamento nei nostri confronti da parte della donna.
Mi spiace darti una brutta notizia, ma come abbiamo già detto in altri articoli precedenti, un sorriso è solo un sorriso, nulla di più.
Una donna autenticamente sopraffatta da un senso d’attrazione nei nostri confronti, è più probabile che non rida affatto quando si trova in nostra compagnia.
Sentirà il bisogno di FARCI CAPIRE CHE LEI E’ UNA DONNA CHE TIENE A NOI PIU’ DI QUALUNQUE ALTRO UOMO. La sua preoccupazione principale sarà ad esempio quella di cercare di non fare brutta figura nei nostri confronti, di essere la più femminile, la più elegante, la più dolce donna che noi abbiamo mai conosciuto.
Ed indovina un po?
Proprio per il semplice fatto che lei cercherà di conquistare la nostra approvazione, finirà con lo spegnere la tensione sessuale, riducendo al minimo la possibilità di conquistarci del tutto.
La seduzione di una donna (ma per noi uomini è uguale) è “un’arte scientifica”, dove è richiesto al tempo stesso maturare una certa abilità nel gestire gli strumenti a nostra dipsosizione, ed avere padronanza delle metodologie di base.
In un solo caso un tuo amico può aiutarti a conquistare una ragazza ed anche in questo caso, il tuo amico dovrà essere una persona molto abile nel renderti appetibile e soprattutto dovrà essere molto fedele alla tua amicizia.
Quando hai un amico che ad esempio si mette a parlare bene di te con una ragazza e lo fa in modo assolutamente onesto e sincero, avrà buone possibilità di “convincerla” a considerarti un suo probabile partner. Se poi la ragazza in questione fosse semplicemente dubbiosa e ti trovasse già carino, potrebbe effettivamente esserti d’aiuto nel riuscire nell’impresa.
Ma raramente capita di avere amici così onesti e fedeli che vadano a “venderti” alle ragazze, senza nulla in cambio. Quindi ammesso che non consideri come un fratello il tuo amico, non so quanto ti convenga perseguire questa strada.
Poi voglio dire, dalla tua storia, non solo il tuo amico non è stato assolutamente in grado di “venderti bene”, ma è stato pure controproducente.
Tu sei ancora andato a proporti con un terrificante “vuoi stare un po con me?” e sostanzialmente ti sei bruciato completamente la tua immagine agli occhi di quella ragazza.
Onestamente mi sarei stupito se fossi riuscito a combinarci qualcosa, dopo tutti questi errori.
E’ un po come se avessi guidato contromano per 15 km, ubriaco, non ti fossi fermato ad un posto di blocco e ti stupissi di ritrovarti senza patente, in galera.
Dimentica di fare proposte verbali, fino a quando non sei ASSOLUTAMENTE CONVINTO del suo interesse nei tuoi confronti.
Dimentica di inviare “intermediari” per conto tuo, ammesso che non siano dei fenomeni nella persuasione (e credimi, ce ne sono pochi).
Se vuoi ottenere dei risultati, incomincia a seguire il metodo.
Da sempre invito gli altri lettori ad evitare il linguaggio verbale per stimolare l’attrazione in una donna. Non si tratta dei soliti consigli della mamma di coprirsi quando fa freddo, ma di istruzioni alla sopravvivenza.
Nella seduzione o si vince o si perde, spesso chi è abituato a maturare sconfitte cade nella depressione e si ritrova a soffrire.
Io voglio evitare che tu cada in questi errori BANALI e riesca a ridurre al minimo la possibilità di fallire con le donne.
Non è una missione difficile, anzi, tutt’altro. A certi livelli puoi ritrovarti a trovare NOIOSA la ripetitività dei processi per sedurre una donna, ma devi rispettare il metodo.
E’ una guerra, puoi rimanere ferito o sentirti un uomo appagato. Non ci sono vie di mezzo.
Conquistare il cuore di una donna è molto più semplice di quanto possa sembrare, ma per riuscirci è fondamentale rispettare le regole del gioco.
Così come quando si va in guerra, per VINCERE, ci si allena, ci si equipaggia per poter sostenere gli attacchi e per difendersi dalle ferite dei nemici. Nella seduzione non ci sono differenze, per vincere nella seduzione, le nostre armi ed i nostri equipaggiamenti offensivi e difensivi sono il nostro corpo e la nostra mente.
Hai solo il tuo corpo, la tua mente, l’abilità di un uomo rispetto ad un altro è quella di saperli usare bene.

0 Commenti

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*