E’ possibile portare una donna a sentire il bisogno di compiacerti?

E’ possibile portare una donna a sentire il bisogno di compiacerti?
Mr. Seduzione

rumene-calde

Io ho 22 anni,lei 23. Abbiamo una storia di 5 anni alle spalle. Abbiamo passato i primi 4 anni tranquillamente e l’estate scorsa (estate 2008) abbiamo avuto cosi tanti problemi di coppia legati al non fare sesso, al non pensare allo stesso modo tante cose e via dicendo.. che lei è arrivata a chiudere tutto. Durante l’estate lei lavorava presso un’istituzione, dove è venuta a conoscere anche un ragazzo trentenne che senza ombra di dubbio ha cercato di sedurla anche se lei è rimasta senza far nulla. Resta di fatto che seguendo il blog,adoperando certe tecniche siamo riusciti a ristabilire un contatto e a tornare insieme. Il prob si sviluppo’ poco dopo quando a novembre (sempre 2008) per le tensioni accumulate e per non aver considerato la storia come “nuova” siamo ricaduti nello stesso baratro. Io ho fatto lo zerbino come effetto condizzionale, non avevo piu’ potere fin quando ho realizzato che dovevo cambiare atteggiamento. E’ andata tutto bene, ho ripreso i contatti da indifferente, sono sparito, e sono arrivato a dirla a dio a Dicembre. Il 15 gennaio 2009 siamo tornati insieme, o melgio è voluta tornare lei.
Adesso pero’ ci ritroviamo allo stesso porblema..ma con una differenza. Lei mi hadetto di non provare piu’ i sentimenti come una volta. Anche l’attrazizone e ii rapporti a livello sessuale sono scesi notevolmente. Fin quando sabato 9 di maggio dopo una serata di riappacificazione e tranquillità si è ripresentato lo stesso discroso. Da li in poi e’ stato un suo graduale sparire (per i primi tre giorni) fin quando ha smesso prorpio di farsi sentire. Ho provato a chiamare, messaggi, dirle che ho bisogno di lei.. e aimè.. fiori a casa (rifiutati) e andare sotto casa sua io stesso. Sono stato proprio peggio di uno zerbino lo ammetto. Fin quando sono riuscito a farmi rispondere a una chiamata nella quale oltre al ghiaccio pesante che è riuscita a sprigionare ha risposto a due domande sole per poi chiudere il tell.

Io: “ma mi hai cancellato, che stai combinando?”
lei:”si”

Io: ” aspetta ma che hai un altra persona, qualcun altro?”
LEi: “è come se fosse”

La telefonata e terminata qui.
Per come ho analizzato la situazione lei non sente piu i prorpio sentimento forte come un tempo e sarà straconvita di non volere altro perche’ si finirà sempre ad avere problemi.
A questo punto ha smesso di taglio il rapporto senza mantenere il minimo contatto prorpio per evitare un riavvicinamento.

C’è una considerazione spiecevole da fare.. a pochi giorni riprenderà quel lavoro..Chissa’ se anche quel tizzio ricompare. Ho modo di sapere se si sente con altra gente.. e per adesso ha solo ripreso assiduamente i contatti con una amica.. ma non posso escludere che ci sia altro.

Non e’ mai stata tipo da tradimento..ma ha un carattere molto deciso.

Ho smesso di farmi sentire esto cercando di fare definitivamente l’UOMO. Ma il prob adesso e’ ristabilire quel contatto e darle l’impressione che tanto leggo e seguo su questo blog. Non ho idea di come agire.

Tra sette giorni esatti posso provare un’incontro perche’ so che dovra presentare un esame presso la facoltà universitaria,per il resto non so come agire.In piu’ sono sommerso da mille pensieri che tra quei numeri che sente ci sia un pretendente che e’ tornato a farsi vivo.

Prego te Mr. a darmi una mano sul serio.

Ti ringrazio in anticipo.

Proviamo a girare questa storia in modo leggermente diverso.

Se al posto di questa ragazza, con te al telefono, ci fosse stato un tuo amico o un tuo collega di lavoro, come avresti reagito ad un trattamento di quel tipo?

Forse mi sbaglierò, magari hai una pazienza infinita o sei davvero una persona così buona e comprensiva che accetteresti qualsiasi affronto da chiunque.

Ma onestamente NON credo che MOLTI si lascerebbero parlare da un proprio amico, un conoscente, piuttosto che un collega di lavoro con un tono così sprezzante.

Il rispetto, non è un optional, nelle relazioni interpersonali.

Il rispetto e la cortesia sono due aspetti che costituiscono la base di qualsiasi interazione, che si tratti di una chiacchierata alla fermata del pullman, piuttosto che di un discorso con un cliente durante una trattativa commerciale.

Per quale motivo, se pretendi il rispetto da un tuo amico, o da un cliente, non dovresti pretendere lo stesso tipo di trattamento da una donna?

Quella ragazza sa perfettamente che tu per lei saresti disposto a fare assolutamente qualsiasi cosa. Sa che non avresti il coraggio di reagire a qualsiasi sua provocazione, perchè non solo ha la consapevolezza che tu le stia andando dietro, ma che allo stesso tempo non abbia la forza caratteriale per pretendere di più da lei.

Perchè i tuoi sentimenti ti portano a sentirti come intrappolato e non riesci a considerarla come una “donna qualsiasi”.

Hai paura di contrariarla in qualche modo, perchè tutto ciò che desideri è averla tutta per te, farla innamorare di te.

E solamente pensare di PRETENDERE qualcosa da lei, ti porta ad avere paura di perderla.

Ma non è mancando di rispetto a te stesso, che lei si sentirà più attratta a te.

Perchè tutto ciò che le stai comunicando è che tu IN QUESTO MOMENTO è molto chiaro ai suoi occhi:

Non hai rispetto di te stesso

Le stai dimostrando che tu la consideri più importante di te. E questo per una donna non è nè romantico, nè tanto meno piacevole.

Perchè non è questo ciò che si aspetta di sentire una donna da un uomo.

Insomma, se persino TU non hai stima di te stesso, per quale motivo una donna dovrebbe averla nei tuoi confronti?

Se tu fossi un re, e decidessi di inchinarti davanti ad una tua serva, come pensi che si sentirebbe lei?

Si sentirebbe più onorata o imbarazzata? Pensaci bene.

Non fa parte della natura di un uomo, UMILIARSI davanti ad una donna, facendo di tutto pur di compiacerla e proprio perchè non fa parte della tua natura, che ogni donna, si sentirà a disagio nei tuoi confronti se ti comporterai in questo modo.

Oppure prova ad immaginare di dover fare un film che s’intitoli “Passione travolgente”, in cui cerchi di rappresentare l’essenza della passione in una coppia.

Tra una scena in cui un uomo prende la propria donna, ed incomincia a baciarla contro ad un muro, tenendola stretta a sè per i polsi; ed una in cui un uomo s’inchina davanti ad una donna, e le porge con la testa abbassata una collana di perle, quale inseriresti, per far percepire nello spettatore questa benedetta “passione travolgente?”

Non so se hai colto il messaggio che voglio inviarti, ma oggettivamente, in una relazione tra un uomo ed una donna, sono importanti tanti elementi alcuni possono essere la complicità o l’empatia, ma NON POTRA’ MAI MANCARE IL RISPETTO reciproco.

Tu non sei l’ultimo uomo rimasto sulla terra, e lei non è una fantomatica dea dell’amore, è solo una donna come tante altre.

Come ogni donna, è una persona, con i suoi pregi ed i suoi difetti, con i suoi problemi ed i suoi sogni.

Mai e per nessun motivo al mondo, nemmeno davanti alla donna più bella del mondo, NON lasciare mai che qualche persona ti possa mancare di rispetto.

Perchè il fatto che lei possa essere nata con gli occhi più belli rispetto ad un altra, non è un suo merito o qualcosa che si sia conquistata. Si tratta di caratteristiche che si è ritrovata ad avere per puro caso.

La bellezza di una donna non è qualcosa per cui ti devi lasciare impressionare.

E’ un po come l’arte, ti può piacere, ti può ispirare, ma non puoi lasciare che la bellezza prenda il controllo delle tue azioni.

Vedi una bella ragazza? Bene, sei contento che sia un piacere guardarla, ma finita lì.

Perchè fino ad oggi ciò che succedeva nella tua mente è che non appena vedevi una donna che ti piacesse, tu ti sentivi in dovere di fare qualsiasi cosa pur di compiacerla.

La buona notizia del giorno è che contrariamente a ciò che tu possa pensare, questo tuo BISOGNO DI COMPIACERLA non deriva tanto dal suo aspetto fisico di per sè.

Tutto nasce da alcune strutture mentali che questa donna avrà sviluppato con il tempo, essendo abituata ad avere tanti uomini che ogni giorno, sentono il tuo stesso bisogno di compiacerla.

Questa ripercussione psicologica nella mente degli altri, che li porta a fare di tutto pur di conquistare il favore della persona che ha sviluppato queste strutture mentali così forti è ciò che io definisco “controllo psicologico”.

Che poi è alla fine lo stesso elemento che porta i cosiddetti “leader” di un gruppo ad avere un’influenza sulle scelte e sulle preferenze delle persone appartenenti al gruppo stesso.

Imparando non solo a NON lasciarti influenzare da queste sue strutture mentali, ma a creare o semplicemente rinforzare le tue strutture, passi da preda a predatore.

Perchè di fatto, sei in grado di portare la tua donna obiettivo a vivere le stesse sensazioni e sentire gli stessi bisogni di compiacerla, che hai avuto fino ad oggi nei suoi confronti.

Questo è ciò che porta un uomo ad avere successo nella vita, questo è il meccanismo su cui si fonda la seduzione e fino a quando saremo guidati dalle nostre emozioni, continuerà ad avere un ruolo determinante nella nostra vita.

Perchè ad esempio tu dovresti sentirti in dovere di compiacere una donna, quando puoi portare una donna a sentire questo bisogno nei tuoi confronti?

E’ tutta una questione di percezione, tanto più sei in grado di controllare le sue sensazioni, e “girarle” quel famoso “bisogno di compiacerti”, tanto più ti sarà facile conquistarla.

Ma ricordati, qualsiasi sia la donna, che tu l’abbia conosciuta ieri o che conoscerai domani, si aspetterà da te che tu sappia essere all’altezza del tuo ruolo.

Di essere un Uomo.

0 Commenti

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*