Incomincia da oggi a piacere di più in 3 semplici passi.

Incomincia da oggi a piacere di più in 3 semplici passi.
Mr. Seduzione

Buongiorno…continuo a leggere con molto interesse il blog…forse qui nn c’entra molto una domanda che volevo fare…
I SINGLE AFFETTIVI, quelli che hanno paura di amare…quelli che soffrono di philofobia:
faccio un esempio:
…chi ha avuto in passato una storia chiusa senza il classico ” e vissero felici e contenti”…
Il meccanismo inconscio che si sviluppa è un meccanismo di difesa nel quale il mancato legame ad un partner implica l’impossibilità di soffrire…e la maschera utilizzata da chi ha paura di amare è la libertà. Una implicazione sentimentale, si crede e si ci convince, sottrarrà gran parte della nostra indipendenza e limiterà la nostra autonomia….
“Già lascia stare…sto bene così…son felice perchè nn soffro”
è possibile arrivare a questo punto…con vere e proprie crisi di depressione e ansia solo all’idea di avere una relazione? E cosa si puo’ fare per superare questa situazione?
Insomma come si puo’ vincere la paura di amare?
Son fuori tema?
Grazie cmq per l’ascolto

E’ un argomento tanto interessante quanto sottile e complesso da affrontare.
Generalmente come in ogni aspetto della vita puoi entrare nei circoli virtuosi positivi dove incominci ad andare bene, vedere risultati e continui a migliorare il tuo status e la tua vita.
Ma è altrettanto vero che puoi trovarti ad affrontare la situazione esattamente opposta, dove dopo aver affrontato o SUBITO una brutta esperienza, ti ritrovi a vedere tutto nero, a rifiutare prospettive future migliori, a rinnegare la realtà ed il prossimo.
Inutile a dire che queste situazioni sono scatenate da fattori esterni molto forti come possono essere una storia molto importante finita male, una grossa delusione o una congiuntura di misfatti avvenuti contemporaneamente.
Ora non so quanto tu sia famigliare con questo blog e con i concetti che sviluppo, ma proverò in ogni caso ad illustrarti il mio modo di impostare questo genere di situazioni, in modo che possa aiutare chi come te si è trovato a vivere esperienze simili alla tua.
Non so se ti sia mai capitato in una giornata ad esempio che il tuo umore cambiasse ed al tempo stesso il tuo ottimismo e la tua propositività.
Al mattino magari non eri tanto positiva e non pensavi di poter ad esempio riuscire a trovare il tempo per fare qualcosa che ti piaccia moltissimo.
Poi però durante la giornata succede qualcosa d’improvviso ed imprevisto che ti permette di poter fare proprio quella cosa che volevi.

La tua percezione nei confronti del mondo esterno in pochi istanti cambia profondamente.

Ma in realtà il mondo intorno a te è sempre lo stesso di prima.

Questo significa che il tuo modo di vedere la realtà, di pensare, di ragionare, di reagire mentalmente agli stimoli esterni cambia a seconda di ciò che succede intorno a te.
Io l’insieme di “vedere la realtà, di pensare, di ragionare, di reagire mentalmente agli stimoli esterni” lo definisco “strutture mentali”.
Proprio perchè come “vediamo la realtà, pensiamo, ragioniamo, reagiamo mentalmente agli stimoli esterni” sono LE FONDAMENTA ciò su cui la nostra mente SI BASA per plasmare il nostro modo di essere, ed in qualche modo la nostra personalità.
Perchè sono così importanti?
Perchè sulla base di come viene strutturata la tua mente, LA PERCEZIONE CHE AVRANNO DI TE le persone che ti circondano CAMBIERA’ PROFONDAMENTE.
Quindi queste strutture mentali influenzeranno il tuo linguaggio del corpo, il suono della tua voce, il tuo modo d’interagire con le persone, PORTANDOTI INCONSCIAMENTE ad essere più apprezzato o meno da chi avrai modo di frequentare.
Il mio “metodo” o se preferisci la mia “filosofia” è impostata sul rendere queste “strutture mentali” il più robuste possibili, in modo che ti permettano di influenzare positivamente le persone che frequenti.
Per gli uomini significherà chiaramente risultare più piacevoli da starci insieme; una donna si sente spontaneamente attratta ad un uomo che la porterà a sentirsi bene con sè stessa e con lui, le piacerà aprirsi con lui, sarà MAGGIORMENTE PORTATA ad abbassare le difese nei suoi confronti.
In questo modo l’uomo si sentirà ulteriormente a suo agio nel conquistarla, perchè la donna incomincerà ad inviargli segnali d’interesse, a mostrarsi più disponibile, a cercare il contatto fisico e così via.
Rendendo pressochè SPONTANEO ed ISTANTANEO il fatto di portare la donna a sentirsi attratta dall’uomo senza troppi giochi strani o senza fare chissà che cosa per conquistarla.
Per una donna il fatto di avere strutture mentali più forti le permette di CAPIRE prima le intenzioni di un uomo, di saper guidare l’uomo se vogliono lasciarsi conquistare o meno, di avere un modo d’impostare l’interazione più stimolante ed intrigante per sè stessa.
Per noi uomini penso non ci sia nulla di più disincentivante di trovarci di fronte ad una donna VUOTA, MONOTONA, SENZA PERSONALITA’ e che NON SAPPIA GIOCARE e STUZZICARCI (positivamente).
In questo modo per l’uomo vengono ad ANNULLARSI tutte le problematiche legate all’ansia, alla timidezza, all’insicurezza, alla donna timida che non reagisce o non reagisce positivamente rendendo più piacevole l’esperienza stessa per la donna.
Perchè come saprai benissimo anche tu su 10 donne che rifiutano un uomo 7 lo rifiutano per insicurezza e paura di esporsi (per vari motivi).
Quindi se un uomo non è in grado di aiutare una donna a REAGIRE POSITIVAMENTE di fatto ENTRAMBI perderanno la possibilità di vivere una relazione piacevole.
Per la donna invece è una questione di piacere a doppio senso.
Da un lato avere un uomo che renda il gioco più piacevole è più bello ed appagante SOPRATTUTTO PER LA DONNA ed il fatto che la donna possa liberarsi delle proprie insicurezze l’aiuterà a rendere la sua personalissima esperienza di gioco MOLTO PIU’ INTRIGANTE E STIMOLANTE.
Ogni giorno mi capita di riconoscere donne che hanno paura di amare e pur di non soffrire mentono a loro stesse indossando MASCHERE di ghiaccio per respingere nuove delusioni.
Il fatto di acquisire una maggior consapevolezza di te stessa, il fatto di rafforzare le tue strutture mentali e SAPERE CHE NESSUNO SIA IN GRADO DI FARTI SOFFRIRE,

SENZA FINGERE

SENZA INDOSSARE MASCHERE

MA SOLO PERCHE’ TU SAI CHI SEI E COSA VUOI DA UNA RELAZIONE

Ti permette di interagire con gli uomini ad un livello totalmente differente, molto più piacevole ed appagante.

E scommetto che se ti chiedessi CHI SEI TU, faresti parecchia difficoltà a dirmi CHI TU SIA come persona, senza dirmi che cosa fai, senza dirmi cosa ti piace e senza dirmi aggettivi come “simpatica, intelligente etc.”.

Se non sai chi sei, come fai a dare un motivo all’altra persona per sentirsi attratta a te?

E’ un viaggio molto interessante da intraprendere dentro sè stessi, e credimi chiunque inizi a rendersi conto che non è pienamente soddisfatto dalle relazioni interpersonali che ha, solitamente è a buon punto per superare il suo problema.

Proprio perchè è riuscito ad identificare UN PROBLEMA, a circoscriverlo.

A questo punto trovare la soluzione per risolverlo sarà molto più semplice.

Molti invece non ponendosi neppure la domanda, finiscono per chiudersi in loro stessi accumulando delusioni e frustrazioni dannose per il loro benessere in senso lato.

A volte fermarsi a riflettere su sè stessi, su come risolvere i propri problemi a come rendere più appagante e piacevole ogni aspetto della tua vita è davvero l’unico modo per incominciare a migliorarla per davvero.

14 Commenti

  1. ANNA 9 anni fa

    Grazie per la risposta…seguo il blog da poco…hai già pubblicato qualcosa di mio…dedicandomi addirittura un articolo che mi ha molto lusingata…purtroppo tra il dire e il fare c’è di mezzo il mare…ricasco nei soliti errori…e quando mi piace qualcuno (forse ne sono veramente innamorata) allora metto in atto un comportamento psicologico autodistruttivo…individuo in lui problemi e difetti psicologici che in realtà son miei pur di giustificare il suo allontanamento…e le sue insicurezze…che poi son le mie…insomma…sarà vero che ognuno parla sempre di se stesso?
    Morale…le mie storie partono tutte alla grande…sai come quando nn vedi l’ora di alzarti al mattino per vivere perchè sai che nella tua vita c’è lui…e la tua vita ti sembra meravigliosa come nn mai…poi incomincio a diffidare…sarà vero quello che prova per me? E se mi rpende in giro…e se mi usa…sarò degna di quest’amore? E se finisce come con l’ultimo…e allora cambio…mi chiudo in me stessa come impaurita e ovviamente lui va via perchè nn sono più la eprsona che aveva conosciuto…perchè ho questa apura assurda di nn essere corrisposta…questa certezza che ci sia sempre del male di cui diffidare anche nelle cose belle? Possibile che abbia sempre io beccato solo le persone sbagliate? Non riesco a mettermi in gioco…ma so chi sono…ma forse nn so ancora cosa voglio? E’ come una sorta di autopunizione…è come se nn sapessi di meritare le cose belle…

  2. Andrea 9 anni fa

    Ciao mister, è da tempo che leggo il tuo blog. La cosa più strana è che per tempo non ho fatto altro che fraintendere questo sito credendo fosse la solita fregatura. Ma in realtà in queste parole, in questi articoli ci sono concetti che qualunque uomo sulla terra desidererebbe sentirsi dire da qualcuno. Ero un ragazzo insicuro, timido con strutture mentali fragili. Volevo migliorare, volevo piacere le donne non sopportavo più l’idea di perdere occasioni di vedermi sfuggire le ragazze per cui impazzivo e di avere un potenziale così inespresso. Ora tutto è cambiato, lo giuro. Il far sentire attratta una donna, il farle percepire la sensazione di potermi perdere, la forza di un gruppo di persone che parla bene di noi, il contatto fisico, l’apparire decisi e sicuri di noi.Tutto senza fraintendere tutto quello che sono realmente nella mia vita. Ora piaccio, e il fatto che sia un bel ragazzo aiuta solo a far sentire ancora più forti le mie strutture mentali. Allo stesso tempo ora ho un problema: donna obbiettivo, approccio, seduzione…mia. Il problema è che appunto provo piacere nel sedurre, nel conquistare…ma mi sento molto meno portato ad’amare rispetto a prima. La donna giusta o bella non centra, è come se fossi diventato molto meno propenso a legarmi a qualcuno perchè non soffro più come prima per arrivarci!Mi piacerebbe davvero tanto una tua risposta, non so chi tu sia ma sei sicuramente un’eroe. A presto.

    • Mr. Seduzione 9 anni fa

      risposta sul blog prossima settimana

      • Top Fuel 9 anni fa

        Piccolo suggerimento per migliorare il blog: nella vecchia versione c’erano le freccie sinistra-destra per spostarsi da un articolo al precedente o successivo, perchè qui non ci sono più? Erano così comode! Sarebbe buona cosa rimetterle ancora.

        • Mr. Seduzione 9 anni fa

          rendevano il caricamento del sito molto lento… purtroppo mi hanno suggerito di non metterle più…

  3. chuck bass 9 anni fa

    esattamente Mr,
    a me capita a volte di conoscere donne che sembrano decisamente interessate prima della conoscenza,ti fissano e sembra che non aspettino altro che ti faccia avanti.. poi quando mi presento cercano in ogni modo di evitare l’interazione.
    Un conto è essere fredde a parole aspettando di valutarmi, e comunque restando lì, magari restando passive come dei manichini finchè il contatto fisico non scaldi l’atmosfera… ma ci sono volte in cui cercano di chiudere direttamente l’interazione, e il bello che dopo tornano a fissarti per tutta la serata, specialmente se parli con altre donne!
    è come se rifiutassero ciò che vogliono, come se si preoccupassero più di sembrare superiori invece di godersi una bella serata..
    Comunque non credo che sia sbagliato il linguaggio del corpo durante l’approccio perchè nella stessa sera altre conoscenze vanno bene!
    cosa consigli di fare in questi casi?
    magari scherzare sul fatto che non riescono a divertirsi? anche solo per prolungare l’interazione abbastanza da metterti in buona luce e differenziarti da quelli che ci hanno provato prima, qualcosa che le faccia smuovere e scendere dal piedistallo!

    • Mr. Seduzione 9 anni fa

      è un discorso un po più complesso di così. diciamo che il linguaggio del corpo devi adattarlo di volta in volta in relazione al tipo di donna che hai davanti. in quei casi meglio ascoltarle ed aspettare che si aprano un minimo.

      • chuck bass 9 anni fa

        mmm..sul fatto di modulare il linguaggio: più la ragazza è chiusa più conviene avere un linguaggio del corpo composto ma sereno o viceversa, solare e aperto fin da subito?

        • Mr. Seduzione 9 anni fa

          risposta sul blog domani

  4. armando 9 anni fa

    è indubbiamente pregevole…

  5. michele 9 anni fa

    il più bell’articolo che abbia mai letto. lo leggerò ogni giorno per ricordarmi chi sono, cosa voglio e quali obbiettivi voglio raggiungere. trovo che sia il principio della seduzione sapere queste cose e pure del vivere sereni con sè stessi e con gli altri. grazie di aver aperto questo blog è fonte d’acqua pura.

    • Mr. Seduzione 9 anni fa

      mi fa molto piacere

  6. ilaria 9 anni fa

    Leggo questo forum sempre con molto interesse.
    Quest’inverno ho conosciuto un ragazzo molto interessante. Lui ha subito mostrato interesse nei miei confronti anche se io ero sfuggente in quanto avevo appena iniziato un qualcosa con un altro ragazzo. Quando lui ha provato a baciarmi mi sono tirata indietro accennandogli la cosa con un giro di parole. Gli ho detto che cmq un caffè con lui lo avrei bevuto volentieri in quanto era un tipo interessante.
    Lui ha voluto il mio numero di telefono, siamo usciti, mi ha detto che mi avrebbe baciato. Gli ho scritto ci sarà una prossima volta. I messaggi hanno cominciato a diminuire, lui mi scriveva che era un periodaccio (E’ uscito da una storia importante da poco…). Poi ha cominciato a non farsi più sentire.
    Dopo due settimane mi sono fatta viva io invitandolo a mangiare la pizza, lui mi contro propone pizza e cinema a casa mia.
    E’ molto dolce mi bacia ma non mi racconta molto di lui.
    Il giorno dopo mi scrive e anche quello dopo, quando gli scrivo io non mi risponde.
    Allora insisto e gli chiedo come va se è vivo, mi risponde dopo 12 ore che sta bene anche se è morto perché ha mangiato troppo ad una cena.
    Lui è molto timido riservato poco interessato a me di sicuro ma io vorrei assolutamente risvegliare il suo interesse.
    Chiedo il vostro aiuto e consiglio

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*