Perchè le donne si sentono sempre attratte dal tuo amico? – Quanto è grande il tuo bisogno di trovare una donna?

Perchè le donne si sentono sempre attratte dal tuo amico? – Quanto è grande il tuo bisogno di trovare una donna?
Mr. Seduzione


Ciao Mr.
complimenti ti leggo ogni giorno.
Stavo passando una tipica serata con dei amici quando a noi si è unito un’altro gruppo. In questo gruppo erano presenti due ragazze.. Io rimango abbastanza distaccato, cioè non me ne fregava nulla delle due ne tanto meno dell’altro gruppo. Senza nessun motivo alcuni dei miei “amici” incomincia a sfottermi… cioè “sfruttarmi” per far colpo sulle tipe… per farle ridere. grazie a te e al blog, sono rimasto tranquillo e non mi sono fatto vedere alterato, rispondendo agli sfotto. Ad un certo punto ho interrotto i battibecchi annoiato dalla cosa. Ho trovato questa situazione molto triste… cioè come puo’ la sola presenza di due nuove donne portare un’amico a comportarsi cosi’? Vorrei capire meglio il meccanismo di un tale comportamento. è dovuto solo ad un fatto di insicurezza? oppure cè altro? illuminami please.

Da un lato la cosa più semplice da pensare e da dire, riguardo a situazioni di questo genere, sarebbe che “quelli non sono Veri amici”.

Che senso ha mettere in un secondo livello dei tuoi amici, delle persone che cercano di supportarti nei momenti belli e che potrebbero aiutarti a superare quelli più difficili?

Insomma un amico è un po come un compagno di squadra, e se talvolta possa capitare che sacrificando un’amicizia, questo ti possa permettere di conquistare una donna, è altrettanto vero, che fare VERO GIOCO di squadra, aiutandosi l’un l’altro, ti permette di conoscere e conquistare donne, NON solo più semplicemente, ma con una velocità notevolmente superiore, rispetto a quello che potresti fare da solo.

Un amico che parla di te con una donna, può da solo permetterti di conquistarla, e questo succede per un semplice, banale motivo.

Le persone PENSANO di noi, ciò che le altre persone DICONO di noi.

Chi ha letto il manuale sul controllo psicologico conoscerà già tutte le dinamiche più profonde che stanno dietro al funzionamento dei gruppi, e soprattutto avranno già approfondito come l’opinione dominante del gruppo abbia un potere superiore alla somma delle opinioni di ciascun componente preso singolarmente.

Non so se ad esempio ti sarà mai capitato di uscire con un tuo amico, di fare magari tutta una serie di cose per far colpo su una determinata donna, di dimostrarti simpatico, di intrattenere lei ed eventualmente delle altre persone insieme a voi, di renderti utile, magari riportandola a casa o offrendole da bere.

Poi man mano che passava il tempo, mentre tu CONTINUAVI ad essere gentile, disponibile ed a fare davvero di tutto pur di piacerle, generalmente l’UNICO risultato che ottenevi, concreto, era che alla fine dei giochi, LEI si sentiva sempre più attratta dal tuo amico.

Magari tu l’hai conosciuta, li hai presentati tra loro, hai tenuto compagnia sia all’uno che all’altra; tu consideravi il tuo amico, come qualcuno che non avrebbe mai potuto mai e poi mai portarti via una donna; eppure, nonostante tutto, alla fine ti sei reso conto che tra lei ed il tuo amico c’è un senso di attrazione talmente forte che tu NON sai come superare la situazione.

Il passo successivo per molti, e continuo a veder ripetere sempre questo errore, è che sostanzialmente la reazione più comune è quella di gettare la spugna e considerare il risultato di tutto, come se si trattasse di un qualcosa su cui tu non avessi più alcun controllo.

Generalmente i più “magnanimi” non dicono neppure nulla al loro amico, perchè oggettivamente NON si sono neppure mai messi nella condizione di impostare qualcosa di più, di una semplice amicizia con la loro donna obiettivo.

Per la serie, NON solo non avevi idea di come fare per conquistarla, ma non eri in grado di capire se lei fosse interessata a te e quindi restavi sempre nella condizione di “spettatore”, limitandoti a vedere quello che succedeva.

Salvo poi accorgerti che prima ancora di aver compreso la situazione, lei si sentiva già attratta dal tuo amico.

Non voglio giustificare la figura dell'”amico” che ignora i tuoi sentimenti, ma a volte ci sono casi in cui molti confondono la “disponibilità” come un segnale “evidente” del fatto che tu sia interessato ad una donna piuttosto che ad un’altra, MENTRE a MOLTI in realtà non è così evidente.

E questo inutile a dirsi, ma è un errore che vedo fare continuamente durante i corsi, specialmente la sera, quando si tratta di vedere come vi comportate con le donne.

Ci sono uomini così gentili, simpatici e disponibili, che si ritrovano ad avere “praticamente lo stesso atteggiamento” anche con i loro amici, e questo di per sè impedisce agli altri di capire OGGETTIVAMENTE quando tu sia “gentile” e quando stai giocando la tua partita.

Quando ad esempio capitano situazioni in cui un tuo amico, cerca di fare il superiore, sulle tue spalle, il VERO problema, è che LUI si sta rendendo conto che tu NON hai ancora la forza caratteriale per andare a controbatterlo.

E non è per tornare ad insistere sul controllo psicologico, ma oggettivamente, quando gli altri PERCEPISCONO da te, che NON gli sarà “conveniente” giocare con te, stai sicuro che NON esisteranno MAI più situazioni in cui un tuo amico o chi altri, si faranno anche solo lontanamente venire l’idea di poterti prenderti in giro con una donna.

Ad alcuni serviranno stimoli più forti, con altri sarà tutto molto più immediato, ma proprio perchè molte delle nostre azioni, tutt’ora dipendono dai nostri istinti; se il loro istinto NON si sentirà di andare “contro” di te, come credi si andrà a modificare il loro comportamento?

Vedì è tutto legato alle dinamiche psicologiche che regolano i rapporti e le gerarchie in un gruppo, e così come ti può servire con le donne, ha dei risvolti disarmanti in tutto ciò che riguarda le relazioni interpersonali sul lavoro ed ovviamente nei confronti delle tue amicizie, a prescindere che sitratti di uomini o di donne.

Ci sono elementi della nostra personalità, che ti portano ad inviare un’idea agli altri che tu possa essere “facilmente attaccabile”, ne esistono altri che invece portano le persone a sentirsi istintivamente portate ad “ascoltarti più volentieri”, altre a “rispettarti”.

Imparare a controllare questi aspetti della nostra mente è un po come avere finalmente in mano il “modo” stesso in cui vuoi essere trattato dalle persone.

Proprio perchè le persone reagiscono sulla base di ciò che SENTONO e percepiscono da te.

Tu gli invii la percezione di sentirsi in potere di considerarsi superiori a te, e stai sicuro, che sarà la prima cosa che faranno.

Tu gli invii la percezione che sia più conveniente per loro, dimostrarti il loro affetto e la loro fedeltà e stai sicuro che l’ultima cosa che andranno a pensare sarà quella di tradire te e soprattutto la tua amicizia.

0 Commenti

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*